Date uno sguardo alla nuova versione ricca di novità di Spotify [Galleria]

Immagine per Spotify Music

Spotify Music

Spotify

Gratis

Spotify ha annunciato pochi giorni fa un importante aggiornamento per la sua applicazione per iOS, che introduce il supporto a nuove funzionalità come video clip originali e podcast. Alcune immagini della versione aggiornata dell’app sono strati mostrate durante l’annuncio, ma ora, grazie ad utente che ha avuto modo di testare una versione beta dell’app, sono disponibili alcuni screenshot.

spotify

L’applicazione è stata ridisegnata sotto quasi tutti gli aspetti, presentando un design tutto nuovo. Molte icone delle versioni precedenti dell’app sono state rimosse a favore di semplici etichette di testo, e sono state aggiunte diverse nuove funzionalità.

Nessuna informazione sul rilascio di quest nuova versione di Spotify è al momento disponibile, ma alcuni utenti hanno affermato di aver già ricevuto l’aggiornamento. In attesa del roll-out, godetevi questa galleria di screenshot:

photo-may-22-8-02-00-pm photo-may-22-8-02-03-pm photo-may-22-8-02-05-pm photo-may-22-8-04-21-pm photo-may-22-8-04-26-pm photo-may-22-8-04-36-pm photo-may-22-8-04-39-pm photo-may-22-8-05-28-pm photo-may-22-8-05-58-pm photo-may-22-8-06-55-pm photo-may-22-8-07-12-pm photo-may-22-8-09-49-pm photo-may-22-8-10-01-pm photo-may-22-8-10-10-pm photo-may-22-8-10-33-pm



Source :

http://feedproxy.google.com/~r/Ispazio/~3/v-gGykTaK4c/story01.htm

Pubblicato in Italiano Taggato con: , , ,

"Brillo": Google entwickelt Betriebssystem für das Internet der Dinge

"Brillo": Google entwickelt Betriebssystem für das Internet der Dinge

Google

Auf der Entwicklerkonferenz Google I/O will der Suchmaschinenanbieter angeblich ein eigenes Betriebssystem für das Internet der Dinge vorstellen. Das Projekt laufe unter dem Codenamen "Brillo" und soll unter der Android-Marke angesiedelt werden.

Source : Android http://www.heise.de/newsticker/meldung/Brillo-Google-entwickelt-Betriebssystem-fuer-das-Internet-der-Dinge-2663676.html

Pubblicato in Deutsch Taggato con: , , , ,

Los Galaxy S6 y Galaxy S6 Edge reciben una actualización de Android 5.0.2 (en España)

Samsung se está volcando en sus tope de gama recién estrenados en abril y por eso cada poco tiempo publica algunos ‘updates‘ que vienen a afinar todavía más las instalaciones de Android que llevan encima. En esta ocasión os tenemos que informar de que esta actualización lleva circulando por algunos territorios desde hace unos días pero no ha sido hasta las últimas horas en las que los Galaxy S6 y Galaxy S6 Edge han recibido la notificación en España.

Una descarga pequeña

Esta actualización que acaba de saltar funciona sobre la versión 5.0.2 de Android Lollipop que, si recordáis, es la ‘build‘ en la que los de Mountain View corrigieron algunos de los fallos de las dos anteriores. Una 5.0 que no aterrizó todo lo fina que se podía esperar y una 5.0.1 con algunos de los errores más incomprensibles que hemos visto jamás en el OS de Google.

En esencia, lo que ofrece esta actualización son mejoras en la estabilidad y el rendimiento del terminal (tanto Galaxy S6 como Galaxy S6 Edge), se han corregido los ‘bugs‘ que se habían venido reportando en las últimas semanas y un aparte en el que los coreanos hablan de “Mejoras en el Sistema Operativo del smartphone”, sin especificar cuáles.

Actualización del Samsung Galaxy S6 y S6 Edge.

Tal y como os informamos hace ya 10 días, esta actualización “añade determinadas mejoras, como un mejor reconocimiento de la huella dactilar a través del lector del teléfono, un mejor diseño de la interfaz de determinadas ‘apps’ de Samsung, también mejora el editor de fotos y actualiza la compatibilidad de los Galaxy S6 y S6 Edge con nuevos accesorios“.

Rendimiento de la memoria

Este apartado es clave y aquí Samsung ha querido ‘currárselo‘ especialmente. Ya en su momento os contamos que algunos de los usuarios que han instalado esta actualización dicen no haber notado grandes cambios en la agilidad del terminal por lo que, o Samsung no lo ha afinado todo lo bien que debería, o ese beneficio no es perceptible a simple vista.

Como siempre, la actualización os debería llegar vía OTA para proceder a su descarga y posterior instalación dentro del terminal. Así que si estáis esperando para ver qué tal va este ‘update‘, mantened el Galaxy S6 o S6 Edge bien cargado para luego no andar esperando.

Quizá te interese:

El artículo Los Galaxy S6 y Galaxy S6 Edge reciben una actualización de Android 5.0.2 (en España) se publicó en MovilZona.

Source : MovilZona http://www.movilzona.es/2015/05/23/galaxy-s6-ege-reciben-actualizacion/

Pubblicato in Español Taggato con: , , , , , , , , ,

Los Galaxy S6 y Galaxy S6 Edge reciben una actualización de Android 5.0.2 (en España)

Samsung se está volcando en sus tope de gama recién estrenados en abril y por eso cada poco tiempo publica algunos ‘updates‘ que vienen a afinar todavía más las instalaciones de Android que llevan encima. En esta ocasión os tenemos que informar de que esta actualización lleva circulando por algunos territorios desde hace unos días pero no ha sido hasta las últimas horas en las que los Galaxy S6 y Galaxy S6 Edge han recibido la notificación en España.

Una descarga pequeña

Esta actualización que acaba de saltar funciona sobre la versión 5.0.2 de Android Lollipop que, si recordáis, es la ‘build‘ en la que los de Mountain View corrigieron algunos de los fallos de las dos anteriores. Una 5.0 que no aterrizó todo lo fina que se podía esperar y una 5.0.1 con algunos de los errores más incomprensibles que hemos visto jamás en el OS de Google.

En esencia, lo que ofrece esta actualización son mejoras en la estabilidad y el rendimiento del terminal (tanto Galaxy S6 como Galaxy S6 Edge), se han corregido los ‘bugs‘ que se habían venido reportando en las últimas semanas y un aparte en el que los coreanos hablan de “Mejoras en el Sistema Operativo del smartphone”, sin especificar cuáles.

Actualización del Samsung Galaxy S6 y S6 Edge.

Tal y como os informamos hace ya 10 días, esta actualización “añade determinadas mejoras, como un mejor reconocimiento de la huella dactilar a través del lector del teléfono, un mejor diseño de la interfaz de determinadas ‘apps’ de Samsung, también mejora el editor de fotos y actualiza la compatibilidad de los Galaxy S6 y S6 Edge con nuevos accesorios“.

Rendimiento de la memoria

Este apartado es clave y aquí Samsung ha querido ‘currárselo‘ especialmente. Ya en su momento os contamos que algunos de los usuarios que han instalado esta actualización dicen no haber notado grandes cambios en la agilidad del terminal por lo que, o Samsung no lo ha afinado todo lo bien que debería, o ese beneficio no es perceptible a simple vista.

Como siempre, la actualización os debería llegar vía OTA para proceder a su descarga y posterior instalación dentro del terminal. Así que si estáis esperando para ver qué tal va este ‘update‘, mantened el Galaxy S6 o S6 Edge bien cargado para luego no andar esperando.

Quizá te interese:

El artículo Los Galaxy S6 y Galaxy S6 Edge reciben una actualización de Android 5.0.2 (en España) se publicó en MovilZona.

Source : MovilZona http://www.movilzona.es/2015/05/23/galaxy-s6-ege-reciben-actualizacion/

Pubblicato in Español

Si torna a parlare dell’inefficacia del ripristino su Android

sicurezza Android

Il factory reset o ripristino di fabbrica presente sui dispositivi equipaggiati con Android non è perfetto. E’ ciò che ha concluso uno studio, condotto presso l’Università di Cambridge, che ha visto coinvolti 21 dispositivi differenti per aziende produttrici, cinque nel totale, e per versione del sistema operativo installata, da Android 2.3 ad Android 4.3. I risultati non farebbero ben sperare e, secondo gli studiosi, attualmente tra i 500 e i 630 milioni di dispositivi potrebbero essere incapaci di eliminare completamente tramite reset di fabbrica i dati sensibili e non presenti al loro interno.

LEGGI ANCHE: Secondo Avast Android non cancellerebbe con efficacia i dati durante il reset: ecco come fare

Durante i test effettuati il team è stato in grado di recuperare almeno in parte i dati che il ripristino avrebbe dovuto cancellare, tra i quali foto, video, messaggi di testo, email, contatti, nonchè le credenziali di accesso ad account Facebook e Whatsapp. Inoltre, in circa l’80% dei dispositivi, i ricercatori sono riusciti ad ottenere il master token utile per accedere a tutti i dati legati ad un account Google.

Le cause di tale malfunzionamento sarebbero molteplici, ad esempio la mancata installazione nel software del dispositivo dei driver necessari ad effettuare la pulizia completa delle memorie interne ed esterne del dispositivo; inoltre, le stesse memorie SD sarebbero notoriamente difficili da “svuotare” completamente. Si tratta quindi di un serio problema di sicurezza al quale non sappiamo se Google e le altre aziende produttrici coinvolte provvederano a trovare una soluzione. È comunque un problema noto e ricorrente nell’informatica di cui avevamo già parlato.

L’articolo Si torna a parlare dell’inefficacia del ripristino su Android sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Source : AndroidWorld.it http://www.androidworld.it/2015/05/23/universita-di-cambridge-android-factory-reset-non-efficace-301904/

Pubblicato in Italiano Taggato con:

Si torna a parlare dell’inefficacia del ripristino su Android

sicurezza Android

Il factory reset o ripristino di fabbrica presente sui dispositivi equipaggiati con Android non è perfetto. E’ ciò che ha concluso uno studio, condotto presso l’Università di Cambridge, che ha visto coinvolti 21 dispositivi differenti per aziende produttrici, cinque nel totale, e per versione del sistema operativo installata, da Android 2.3 ad Android 4.3. I risultati non farebbero ben sperare e, secondo gli studiosi, attualmente tra i 500 e i 630 milioni di dispositivi potrebbero essere incapaci di eliminare completamente tramite reset di fabbrica i dati sensibili e non presenti al loro interno.

LEGGI ANCHE: Secondo Avast Android non cancellerebbe con efficacia i dati durante il reset: ecco come fare

Durante i test effettuati il team è stato in grado di recuperare almeno in parte i dati che il ripristino avrebbe dovuto cancellare, tra i quali foto, video, messaggi di testo, email, contatti, nonchè le credenziali di accesso ad account Facebook e Whatsapp. Inoltre, in circa l’80% dei dispositivi, i ricercatori sono riusciti ad ottenere il master token utile per accedere a tutti i dati legati ad un account Google.

Le cause di tale malfunzionamento sarebbero molteplici, ad esempio la mancata installazione nel software del dispositivo dei driver necessari ad effettuare la pulizia completa delle memorie interne ed esterne del dispositivo; inoltre, le stesse memorie SD sarebbero notoriamente difficili da “svuotare” completamente. Si tratta quindi di un serio problema di sicurezza al quale non sappiamo se Google e le altre aziende produttrici coinvolte provvederano a trovare una soluzione. È comunque un problema noto e ricorrente nell’informatica di cui avevamo già parlato.

L’articolo Si torna a parlare dell’inefficacia del ripristino su Android sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Source : AndroidWorld.it http://www.androidworld.it/2015/05/23/universita-di-cambridge-android-factory-reset-non-efficace-301904/

Pubblicato in Italiano

Así de fácil es ‘hackear’ tu móvil

Desde la ‘webcams’ a los ‘smartphones’ o una pulsera ‘wearable’ y otros aparatos del Internet de las cosas resultan muy vulnerables al ataque de los piratas informáticos

Source : Noticias sobre Telefonía móvil http://tecnologia.elpais.com/tecnologia/2015/05/22/actualidad/1432309217_188597.html?ref=rss&format=simple&link=link

Pubblicato in Español Taggato con:

Radiation Island rimarrà esclusiva iOS perché “gli utenti Android non comprano giochi”

Radiation-Island

Se avete un minimo di dimestichezza con il mondo videoludico legato al panorama mobile, saprete che una discreta fetta di giochi, la maggior parte di essi a pagamento, vengono pubblicati esclusivamente sull’App Store di Apple, ed il loro destino è quello di non fare mai il loro debutto sulla piattaforma avversaria di Google, Android.

Se da una parte l’utente Android è spinto a pensare che talvolta la motivazione di queste esclusive sia legata alle “manovre di Apple” per mantenere l’esclusività di certi prodotti sulle proprie piattaforme (manovre in passato confermate persino da EA), la vera motivazione sarebbe in realtà da cercarsi altrove.

LEGGI ANCHE: Il CEO di Konami: “Il futuro del gaming è nel mobile”

Atypical Games, software house responsabile di giochi quali Sky Gamblers Storm Raiders, di altri giochi sempre della serie Sky Gamblers pubblicati da Bandai Namco, alcuni non sul Play Store, e appunto di Radiation Island, punta infatti il dito sugli utenti Android.

Da quanto affermato dal CEO della software house, Andrei Lopata, il lancio di un gioco appunto come Sky Gamblers Storm Raiders sul Play Store è stato piuttosto deludente: nonostante sia riuscito a comparire nella top ten dei giochi a pagamento, Sky Gamblers è riuscito a collezionare poco più di 50.000 download, e vi assicuriamo che si tratta di una produzione di una certa qualità.

For the moment, it’s quite clear that Android users don’t pay for premium content. Google is also not pushing premium content either.

Per il momento risulta abbastanza chiaro che gli utenti Android non sono disposti a pagare contenuti premium. Google inoltre non fa niente per sponsorizzare tali contenuti.

Andrei Lopata, CEO Atypical Games

Il CEO punta il dito anche su Google, che a detta sua non fa molto per mettere in evidenza tali contenuti. Effettivamente, se siete possessori di dispositivi iOS o se avete mai dato un’occhiata all’App Store, giochi e app a pagamento vengono settimanalmente messi in evidenza, e i più meritevoli hanno intere sezioni dedicate e personalizzate, cosa che non succede sul Play Store.

Non è inoltre la prima volta che una software house parla dei dati di vendita delle due piattaforme evidenziando come i giochi, su iOS, riescano a vendere di più. È il caso ad esempio di Monument Valley, il cui ultimo capitolo rimane esclusivo della piattaforma di Apple e il cui tasso di pirateria è estremamente alto proprio su Android.

È purtroppo da ricercarsi in tali motivazioni (vendite scarse, pirateria) l’incredibile aumento di giochi free-to-play a discapito di quelli a pagamento: software house, indipendenti o no, mirano a trarre profitti da entrambe le piattaforme e l’unica alternativa a quanto pare è proprio quella di proporre giochi free-to-play con acquisti in-app.

L’articolo Radiation Island rimarrà esclusiva iOS perché “gli utenti Android non comprano giochi” sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Source : AndroidWorld.it http://www.mobileworld.it/2015/05/23/radiation-island-esclusiva-ios/

Pubblicato in Italiano Taggato con: , , , , , , , , ,

Radiation Island rimarrà esclusiva iOS perché “gli utenti Android non comprano giochi”

Radiation-Island

Se avete un minimo di dimestichezza con il mondo videoludico legato al panorama mobile, saprete che una discreta fetta di giochi, la maggior parte di essi a pagamento, vengono pubblicati esclusivamente sull’App Store di Apple, ed il loro destino è quello di non fare mai il loro debutto sulla piattaforma avversaria di Google, Android.

Se da una parte l’utente Android è spinto a pensare che talvolta la motivazione di queste esclusive sia legata alle “manovre di Apple” per mantenere l’esclusività di certi prodotti sulle proprie piattaforme (manovre in passato confermate persino da EA), la vera motivazione sarebbe in realtà da cercarsi altrove.

LEGGI ANCHE: Il CEO di Konami: “Il futuro del gaming è nel mobile”

Atypical Games, software house responsabile di giochi quali Sky Gamblers Storm Raiders, di altri giochi sempre della serie Sky Gamblers pubblicati da Bandai Namco, alcuni non sul Play Store, e appunto di Radiation Island, punta infatti il dito sugli utenti Android.

Da quanto affermato dal CEO della software house, Andrei Lopata, il lancio di un gioco appunto come Sky Gamblers Storm Raiders sul Play Store è stato piuttosto deludente: nonostante sia riuscito a comparire nella top ten dei giochi a pagamento, Sky Gamblers è riuscito a collezionare poco più di 50.000 download, e vi assicuriamo che si tratta di una produzione di una certa qualità.

For the moment, it’s quite clear that Android users don’t pay for premium content. Google is also not pushing premium content either.

Per il momento risulta abbastanza chiaro che gli utenti Android non sono disposti a pagare contenuti premium. Google inoltre non fa niente per sponsorizzare tali contenuti.

Andrei Lopata, CEO Atypical Games

Il CEO punta il dito anche su Google, che a detta sua non fa molto per mettere in evidenza tali contenuti. Effettivamente, se siete possessori di dispositivi iOS o se avete mai dato un’occhiata all’App Store, giochi e app a pagamento vengono settimanalmente messi in evidenza, e i più meritevoli hanno intere sezioni dedicate e personalizzate, cosa che non succede sul Play Store.

Non è inoltre la prima volta che una software house parla dei dati di vendita delle due piattaforme evidenziando come i giochi, su iOS, riescano a vendere di più. È il caso ad esempio di Monument Valley, il cui ultimo capitolo rimane esclusivo della piattaforma di Apple e il cui tasso di pirateria è estremamente alto proprio su Android.

È purtroppo da ricercarsi in tali motivazioni (vendite scarse, pirateria) l’incredibile aumento di giochi free-to-play a discapito di quelli a pagamento: software house, indipendenti o no, mirano a trarre profitti da entrambe le piattaforme e l’unica alternativa a quanto pare è proprio quella di proporre giochi free-to-play con acquisti in-app.

L’articolo Radiation Island rimarrà esclusiva iOS perché “gli utenti Android non comprano giochi” sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Source : AndroidWorld.it http://www.mobileworld.it/2015/05/23/radiation-island-esclusiva-ios/

Pubblicato in Italiano

Mozilla: niente smartphone da 25$, ma possibile supporto ad app Android su Firefox OS

firefox-ios

Circa un anno fa, Mozilla annunciava i suoi piani per il lancio di uno smartphone da 25 dollari da lanciare prima della fine del 2014 in mercati come India od Indonesia. Nonostante partnership per la commercializzazione di smartphone economici, il dispositivo in questione (visibile nell’immagine in fondo all’articolo) non verrà probabilmente mai commercializzato.

Il prototipo aveva uno schermo da 3,5″ con risoluzione di 320 x 480 pixel, connessione Wi-Fi, un processore single core Spreadtrum SC8621 da 1 GHz, ed una fotocamera posteriore da 2MP. Nonostante le specifiche, tutto sommato interessanti per un dispositivo da poco più di 20 euro, il CEO di Mozilla Chris Beard ha ritenuto insufficiente la richiesta di questo genere di smartphone, e ritiene che, essendo Firefox OS un cardine della strategia mobile dell’azienda, si debba puntare di più sulla qualità dell’esperienza utente, che sul realizzare uno smartphone il più economico possibile.

Un aspetto che renderebbe Firefox OS sicuramente più appetibile per gli utenti sarebbe l’accesso ad una maggiore quantità di app, e per questo Mozilla starebbe valutando l’implementazione del supporto ad app Android, o quantomeno a quelle più importanti.

Nonostante tutto, sembra che Mozilla sia seriamente interessata a portare avanti la sua piattaforma Firefox OS,e possiamo star certi che vedremo nuovi dispositivi con questo sistema operativo, magari non a 25 dollari.

Mozilla Firefox OS smartphone 25 dollari

L’articolo Mozilla: niente smartphone da 25$, ma possibile supporto ad app Android su Firefox OS sembra essere il primo su AndroidWorld.it.

Source : AndroidWorld.it http://www.mobileworld.it/2015/05/23/mozilla-niente-smartphone-da-25-ma-possibile-supporto-ad-app-android-su-firefox-os/

Pubblicato in Italiano Taggato con: , , , ,

Lingua